Infissi: finiture interne e arredo

Spesso e volentieri, quando ci apprestiamo all’acquisto dei serramenti si sceglie soltanto in base agli abbinamenti con le pareti, con i mobili e con l’arredamento generale della nostra casa.

Seguire le nuove tendenze è importante, ma non tutti sanno che è la finitura degli infissi a fare la differenza vera sulla durata nel tempo, ma anche sul risultato estetico dell’installazione! È bene sapere che il mercato ci offre un’infinità di possibilità in termini di finiture e di colori per gli infissi.

Per gli infissi in legno e in legno-alluminio, la parte esterna può essere verniciata in qualsiasi tipo di colore e la parte interna può avere un’altra verniciatura in Gamma Ral ossia una gamma di colori prestabiliti con i quali è possibile verniciare il legno, ma anche l’alluminio, l’acciaio e tantissimi altri materiali.

Gli infissi in legno-alluminio, dunque, possono essere verniciati con le tonalità standard della Gamma Ral ma è possibile anche ottenere un vero e proprio effetto legno, per rendere visibili le venature del rovere, del ciliegio, del castagno.

Finiture e colori per infissi alluminio: verniciatura e ossidazione

L’alluminio si presta ad essere principalmente verniciato; la verniciatura può essere opaca oppure lucida o semilucida.

La verniciatura lucida è più è facile da pulire; quando è troppo lucida diventa molto delicata. Tuttavia, anche la verniciatura opaca ha lo svantaggio della delicatezza, perché è più difficile da pulire.

La finitura opaca, inoltre, non è soltanto un effetto ottico: avendo molteplici frastagliature e diversi pori, rimane anche un po’ più ruvida al tatto.

Colorazione degli infissi in alluminio per ossidazione

Oltre ad essere verniciato, l’alluminio può essere anche ossidato per ottenere determinati colori di infissi.

L’ossidazione è un processo diverso rispetto alla verniciatura: invece di essere applicato del materiale sopra l’alluminio, viene messo l’alluminio dentro delle vasche. Qui, con l’ausilio dell’elettricità, gli viene conferita la colorazione a seconda dei pigmenti scelti.

L’ossidazione però lascia meno scelta di colori per gli infissi in alluminio. Tuttavia, si possono ottenere degli effetti piuttosto interessanti, come ad esempio l’effetto titanio che a sua volta può essere opaco, spazzolato, chimico oppure lucido.

Finiture e colori infissi in acciaio inox

L’acciaio può essere in ferro verniciato; in questo caso, la verniciatura si presenta come quella dell’alluminio. Oppure può essere acciaio inox, il materiale più indistruttibile che abbiamo in natura dopo il diamante.

Gli infissi in acciaio inox hanno un proprio colore caratteristico e possono avere un effetto spazzolato; in questo caso, rientrano nella famiglia delle finiture opache.

Oppure possono essere infissi in acciaio inox lucido, perciò avere l’effetto specchio. Li riconosci perché basta toccarli con un dito per lasciare le impronte! Sono un po’ odiati da tutti quelli che si occupano di pulizie.

Come scegliere il colore degli infissi?

Per i più tradizionalisti, quelli che non vogliono sbagliare mai, è preferibile scegliere il bianco, il bianco opaco o il grigio chiaro.

Sono colori infissi che riescono ad adattarsi a qualsiasi contesto. Stancano poco e per questo sono molto apprezzati e sono anche molto luminosi. Inoltre, viene usato molto l’infisso nero, nero opaco e nero ossidato in quanto è più resistente nell’ossidazione rispetto alla verniciatura.

Infine con la colorazione personalizzata è possibile ottenere anche l’effetto legno su infissi costruiti in un altro materiale.

Cassonetti: ecco tutto quello che devi sapere

Installare tapparelle è una soluzione oscurante molto diffusa nelle abitazioni perché garantisce sicurezza, praticità, protezione dal calore e isolamento termico e acustico. Come in tutti i sistemi avvolgibili, però, occorre fare i conti con il vano di alloggio: un inconveniente pratico, perché necessita di spazio e crea inevitabilmente correnti d’aria, andando ad incidere sull’isolamento della casa, ma anche estetico.

La scelta del cassonetto per tapparelle deve quindi essere ben ponderata per evitare soluzioni che non si adattano bene alla casa e che potrebbero farci storcere il naso.

Ecco alcuni consigli utili per la scelta dei cassonetti per tapparelle più adatti alle proprie esigenze.

  • La scelta del tipo di materiale con cui realizzare i cassonetti per tapparelle influisce soprattutto sull’efficienza energetica della tua casa. Il PVC, per esempio, è la soluzione ideale per le sue elevate prestazioni isolanti, mentre quella dei cassonetti in alluminio coibentati garantisce resistenza alle escursioni termiche
  • Se l’estetica della casa è la tua priorità, non mancano soluzioni che vengono incontro al design, come i cassonetti per tapparelle a scomparsa o quelli senza cassonetto
  • I cassonetti per tapparelle devono essere facilmente accessibili e ispezionabili per le operazioni di manutenzione
  • I cassonetti per tapparelle sono elementi puramente funzionali, essenziali per il corretto funzionamento del sistema di oscuramento: per questo è importante privilegiare la scelta di prodotti di ottima qualità, ma anche una posa realizzata a regola d’arte

I cassonetti: l’elemento “fragile” della tua abitazione

I cassonetti sono spesso montati nella parte superiore della finestra e comunque sempre a contatto con l’esterno e proprio per questo motivo dobbiamo considerarli un punto fragile.

Spesso e volentieri però capita che chi decide di acquistare una nuova finestra, difficilmente prende in considerazione la necessità di effettuare opere di manutenzione del cassonetto.

Il consiglio per chi vuole quindi sostituire le finestre è quello di tenere in considerazione contemporaneamente entrambi gli elementi, altrimenti è meglio lasciare tutto invariato.

Quali sono le principali problematiche che possono sorgere con un cassonetto non coibentato?

  • possibili vibrazioni, che possono causare rumori all’interno dell’abitazione, provenienti dall’esterno
  • fastidiose livellature di temperatura tra l’esterno e l’interno
  • spifferi di aria
  • riduzione del riscaldamento della casa in periodi di freddo e perdita di fresco nei mesi estivi

Nella maggior parte dei casi il cassonetto della tapparella sarà realizzato in legno, in truciolato o in compensato dello spessore di circa 1 cm e comunque privo di guarnizioni, ragion per cui è possibile che nel corso del tempo, questo disperda calore e che non resista a lungo alla tenuta dell’aria.

Il vano della tapparella è un altro fattore che generalmente crea problemi; questo infatti può favorire l’entrata di aria fredda, proveniente dall’esterno della tua abitazione, che di fatto diminuisce il tuo comfort e le performance complessive dell’infisso.

Per migliorare le performance del cassonetto dovrai effettuare un’operazione di coibentazione che ti permetterà di avere un valido risparmio energetico, proteggendoti nello stesso momento da agenti atmosferici esterni responsabili della diminuzione del tuo benessere termico.

Il potere coibentante del cassonetto esistente può essere risolto in due modi. La prima soluzione è il posizionamento di materiale isolante al suo interno; la seconda invece è coprire il cassonetto con uno di dimensioni maggiori.

Noi di Uninfissi siamo in grado di coniugare artigianalità, sicurezza, estetica, isolamento termico in un unico prodotto. Abbiamo a cuore la soddisfazione del cliente, ecco perché realizziamo infissi che conciliano sicurezza e design.