Il cassonetto, da sempre considerato un semplice elemento di copertura dell’avvolgibile ai soli fini estetici, è oggi diventato un complemento fondamentale dell’infisso, ed è direttamente coinvolto nelle prestazioni di chiusura del vano serramento.

Basti pensare che intervenendo sul foro finestra, che comprende presente anche il cassonetto, con la sostituzione del solo serramento si riducono le dispersioni e si migliora il confort abitativo ma non più del 60/70%.

Elementi come i cassonetti in legno o in alluminio non coibentato hanno trasmittanze termiche Usb che normalmente vanno dai 5.5 ai 1.4 W/(m2.K) e vengono installati sopra finestre che hanno generalmente valori di Uw tra 1,3 e 1,6 se non inferiori.

È dunque chiaro l’intento del Legislatore: per ridurre le dispersioni invernali è necessario richiedere agli operatori del settore di installare cassonetti più performanti nelle zone climatiche più fredde.

Il Cassonetto, essendo un elemento che incide sulle prestazioni del vano finestra, va oggi valutato come elemento separato dalla chiusura trasparente, come specificato dal Ministero dello Sviluppo Economico nei chiarimenti in materia di efficienza energetica dell’Ottobre 2020 con il Decreto Prezzi.

Si deduce quindi che nell’ambito di un intervento devono essere rispettati i valori di trasmittanza termica per la sostituzione dei cassonetti.

Detti valori, sono necessari per ottenere il recupero fiscale o accedere al super bonus